Coop promuove la lotta all’antibiotico resistenza

19/01/2019

“Alleviamo la salute” è il titolo della campagna lanciata da Coop Italia nell’aprile 2017 con l’obiettivo di ridurre, fino a eliminare, l’uso di antibiotici negli animali da reddito. Oggi sono oltre 1700 gli allevamenti che hanno aderito all’iniziativa e il consumatore sembra apprezzare questa scelta: il 90% di carne bovina venduta in quest’ultimo periodo rientra nella filiera antibiotic free.

Il progetto è trasversale e riguarda quindi diverse tipologie di allevamento, compresi avicoli e suini. “Si tratta di una vera e propria rivoluzione gestionale” afferma la dottoressa Renata Pascarelli, Direttore Qualità di Coop Italia, “che richiede, ovviamente, un notevole impegno da parte degli allevatori, i quali devono effettuare modifiche strutturali e gestionali e incrementare le misure di igiene”.

Tale rivoluzione sembra essere necessaria considerando che a oggi sono oltre 37000 i decessi in Europa legati al fenomeno dell’antibiotico resistenza, destinati inesorabilmente ad aumentare nei prossimi anni. Il tema è quindi molto caldo, tanto che il 25 ottobre il Parlamento Europeo e il Consiglio UE hanno adottato una proposta di regolamento in cui si chiede di limitare l’uso di antibiotici solo ai casi ad alto rischio di infezione e solo se pienamente giustificati da un medico veterinario. Il 26 novembre la risoluzione è stata adottata dal Consiglio UE e entrerà in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Fonte: Alimenti e Bevande

 

Iscriviti alla newsletter di Qualitalia

* campo obbligatorio
 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.