Antibiotico resistenza, Italia sotto attacco dei superbugs

19/03/19

https://www.alimenti-salute.it/sites/default/files/styles/thumbnail/public/superbugs%20copia.jpg?itok=rsi5tViK

Quasi 11mila persone muoiono ogni anno in Italia per un'infezione causata da uno degli otto batteri antibiotico-resistenti. Numero che assegna al nostro Paese la maglia nera in Europa avanti alla Grecia e al Portogallo con un costo stimato di 13 miliardi da qui al 2050. Si tratta di una vera e propria emergenza quella legata alla trasformazione di batteri che non rispondono più alle più comuni e diffuse terapie antibiotiche, i cosiddetti superbugs, perché evoluti e più duri da combattere.

Secondo il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, che ha chiamato a Roma l'esperto dell'Organizzazione mondiale della Sanità, Ranieri Guerra, per lanciare un piano anti-crisi, entro il 2050 ci saranno 2,4 milioni di morti per la resistenza agli antibiotici con ripercussioni economiche più pesanti di quelle legate alla crisi finanziaria del 2008-2009. Tradotto in cifre, si stimano costi annui aggiuntivi di 3,5 miliardi legati alle sole complicanze a fronte di 4,8 mld che si potrebbero risparmiare con investimenti mirati.

Anche l'uso degli antibiotici in veterinaria, negli allevamenti e in agricoltura ha significativamente contribuito al fenomeno dell'antibiotico-resistenza, e pone domande anche in relazione al contesto più ampio della protezione del sistema alimentare.

Secondo Guerra, infatti, il 75% degli antibiotici usati in mare, per allevare gamberetti per esempio, si disperde nell'ambiente circostante senza contare che il 70% degli antibiotici è usato negli allevamenti zootecnici. Così, mentre gli Stati Uniti promuovono “l'autodisciplina negli allevamenti”, l'Europa chiude le frontiere ai prodotti trattati con antibiotici mentre i blasonati allevamenti argentini sembra che importino 100mila tonnellate di antibiotici. I dati ufficiali, però, scarseggiano e i superbags si diffondono come un incendio.

Fonte: Alimenti & Salute ; Il Sole 24ore

Iscriviti alla newsletter di Qualitalia

* campo obbligatorio
 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.